Ultime Notizie
logo lavoro in germania

Notizie Lavoro in Germania

Notizie sulle opportunità di lavoro in Germania

E intanto a Berlino

Molti si concentrano solo sugli aspetti quasi mitologici di questa città, gonfiati ad arte anche da molti blog, dimenticandosi di raccontare anche alcuni aspetti meno idilliaci

berlino germania

Sgombero di una scuola
Siamo a Kreuzberg, uno dei quartieri più conosciuti e invasi dai turisti. Uno di quei luoghi di Berlino in cui è più facile lasciarsi cullare dalla sua immagine multietnica, non guardando anche cosa accade di meno folkòoristico. Per esempio lo sgombero, da parte della polizia, di 200 richiedenti asilo. Mentre quaranta di loro restano barricati all’interno, molti attivisti dimostrano in loro solidarietà.

Queste quaranta persone resistono sul tetto della scuola proprio per protesta nei confronti dello sgombero forzato e il trasferimento in centri di raccolta posti nelle zone periferiche della citàà, lontano dagli sguardi dei turisti. In discussione alcune domande d’asilo che sono restate sospese anche da anni e la richiesta dello status di rifugiati

Gesti disperati
La maggioranza di queste persone proviene dal Sudan per rendere più incisive, o quanto meno ascoltate, le richieste minaccia gesti ecclatanti come quello di buttarsi dal tetto dell’edificio su cui si trovano. Molti sono i posti di blocco che delimitano la zona ma moltissimi sono gli attivisti che questi posti di blocco li hanno raggiunti per evitare che la polizia faccia irruzione. E se la protesta degli attivisti ha sempre mantenuto toni assolutamente civili e pacifici, non altrattanto si può dire delle reazioni della polizia che non sono certo state prive di violenza. E non certo figura milgiore sta facendo il governo tedesco che, al momento, più che cercare di trovare soluzione a questa situazione, sembra più preoccupato a fare il solito gioco a rimpiattino per definire responsabilità, colpe e cose di questo genere.

Gestione un pò confusa
Al momento sono solo le istituzioni locali a gestire la situazione, per altro in maniera abbastanza confusa. Il sindaco di Kreuzberg-Friedrichshain, la verde Hermann ha sbolognato la patata bollente a Henkel della Cdu il quale ha proposto ai richiedenti una sorta di prolungamento della duldung, una specie di permesso di soggiorno temporaneo che però non consente di avere un lavoro o un sussidio a chi lo ottiene. Proposte rifiutate dagli occupanti la scuola. Poco trasparente anche la gestione dei rapporti con la stampa a cui, forze politiche e polizia, hanno impedito l’accesso alla scuola. L’unica cosa che è stata possibile è una specie di conferenza stampa con tre degli occupanti ma all’esterno e otto il controllo della polizia.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *