Ultime Notizie
logo lavoro in germania

Notizie Lavoro in Germania

Notizie sulle opportunità di lavoro in Germania

Dal 2016 gli stranieri pagheranno le autostrade tedesche

Finisce uno dei miti tedeschi: le autostrade gratuite. Dal 2016 si pagheranno, o almeno sarà così per gli stranieri

monaco

Un piccolo trucchetto
È qualcosa di cui si parlava già da tempo. Ora, con un piccolo trucchetto, saranno gli stranieri, dal 2016, a pagare le autostrade tedesche. Quale trucchetto? Molto semplice, un modo per riuscire a eludere alcune norme di carattere comunitario che impedirebbero diversità di trattamento in questi casi. Allora succederà che apparentemente anche i cittadini tedeschi pagheranno. Con la differenza, però, che poi si vedranno ridotta la tassa di circolazione di una cifra equivalente.

Questione politica
A ben vedere non si può dare torto ai tedeschi che, dal 2016 vogliono far pagare le autostrade agli stranieri. Un vessillo, una battaglia politica che già da tempo era divenuto il centro delle proposte del partito di Angela Merkel. In fondo, come sostenuto da molti esponenti del CSU, che hanno messo in luce come i cittadini tedeschi paghino il pedaggio in quasi tutte le autostrade dei paesi confinanti. È arrivato il momento che anche la Germania adotti lo stesso provvedimento.

Molte polemiche
Ovviamente la decisione non poteva non suscitare polemiche. Molti, tra cui Klaus Becker vicepresidente dell’Automobilclub teutonico, si sono dimostrati perplessi sottolineando come nessun paese europeo abbia introdotto un provvedimento del genere. Altri invece auspicano l’introduzione di un pedaggio a livello europeo per rendere spostamenti e pagamenti più semplici e uniformi. Come sempre l’Europa deve esserci solo quando fa comodo. Il governo tedesco, per ora, ha giustificato o almeno tentato di giustificare questo pedaggio parlando di fondi che servirebbero per la stessa manutenzione stradale e per ulteriori investimenti.

Polemiche sono anche quelle di chi vuole, giustamente, avere cifre esatte rispetto a quelli che potrebbero essere i reali gettiti. Secondo alcuni infatti le ipotetiche entrate previste, di circa 500 milioni l’anno, sono tutte da dimostrare. Anzi secondo molti i soldi necessari per migliorare le infrastrutture sarebbero tali da far preventivare anche un saldo negativo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *